Il filosofo Aristotele

Professione: Filosofo

Nazionalità: greco

Perché famoso: Nato nel 384 a.C. nella città nordoccidentale di Stagira, Aristotele fu inviato ad Atene per studiare all'Accademia di Platone. Alla morte di Platone nel 347 a.C. lasciò la città lavorando altrove finché nel 343 su richiesta del re Filippo di Macedonia andò a fare da precettore al giovane Alessandro, in seguito Alessandro Magno .

Non è chiaro per quanto tempo insegnò ad Alessandro, ma rimase in Macedonia fino al 335 aC quando tornò ad Atene per fondare la sua scuola, che venne chiamata Lyceum. Il Lyceum insegnava un'ampia gamma di argomenti e i suoi allievi venivano chiamati Peripatetici a causa dell'abitudine di Aristotele di camminare mentre insegnava. Gli appunti di Aristotele e altri manoscritti raccolti formarono una biblioteca significativa che sopravvisse parzialmente per essere tradotta e distribuita e che costituì la base per la filosofia occidentale.

Gli studi filosofici di Aristotele spaziavano dall'etica, alla teoria politica e alla metafisica. La ricerca e gli scritti di Aristotele comprendevano una vasta gamma di studi accademici, inclusa la maggior parte delle scienze, in materie come la biologia, la botanica, la chimica, la retorica e la zoologia.

Morto: 7 marzo 322 a.C.


Eventi storici


Famosi filosofi